Svezia

Stockholm (Wikimedia)Per molto tempo a Svezia è stata considerata dai suoi vicini europei un modello per ciò che riguarda la qualificazione della mano d’opera e la formazione professionale, ma le cose sono cambiate.

Negli anni 2000, il sistema educativo svedese non è stato abbastanza reattivo di fronte ai mutamenti tecnologici attraversati dall’industria e ai cambiamenti radicali che il mercato del lavoro ha dovuto affrontare. Il Parlamento ha quindi recentemente deciso di creare, con la partecipazione delle aziende, dei nuovi programmi di formazione, più adatti ai bisogni del mercato del lavoro.

Il governo si è concentrato sul rafforzamento del legame tra educazione e mondo del lavoro, sia per quel che riguarda l’insegnamento professionale che l’insegnamento secondario e terziario. A questo fine, un centro di apprendistato è stato creato per promuovere e aumentare le offerte di apprendistato. Il governo ha anche adottato nuove norme per gestire la transizione verso il mondo lavorativo con, tra l’altro, la possibilità di ottenere un contratto di apprendistato e una formazione professionale nell’insegnamento secondario superiore. I contratti di apprendistato, gli accordi tra i giovani, i servizi per il lavoro e le municipalità sono stati creati nel 2015 ; essi incoraggiano l’inserzione professionale dei giovani dai 20 ai 24 anni, o il ritorno a una formazione per acquisire nuove competenze nel superiore secondario. Gli studi possono essere combinati con un’esperienza professionale.

 

Il sistema svedese – 2013

 

Il sistema svedese (© Onisep / Elise Veteau)

 

Lessico dei termini per lo schema

 

La formazione professionale in Svezia

 

L’insegnamento secondario

Alla fine della scuola dell’obbligo, a 16 anni, l’alunno svedese può entrare al liceo. Uno degli obbiettivi del sistema educativo svedese è di evitare che si crei un divario ancora più profondo tra l’insegnamento generale e l’insegnamento professionale. Gli alunni di queste formazioni studiano in uno stesso luogo e seguono delle lezioni comuni in certe materie.

La nuova riforma del liceo, cominciata nel 2011, introduce 18 cicli o indirizzi (scienze sociali, lingue e letteratura,indirizzo alberghiero, tecnico, ecc.) e cambia i criteri di ammissione: ogni ciclo possiede delle specializzazioni: per esempio il ciclo “salute e cure” propone diverse opzioni, come “salute e benessere”, “lingua dei segni”, “scienze naturali”, ecc. Così, è più chiara la distinzione tra i programmi teorici che preparano agli studi superiori e i programmi pratici che preparano ad un mestiere.

  • Per essere ammesso a un programma teorico, l’alunno di 16 anni deve superare un esame in svedese, inglese, matematica, e in almeno nove altre materie.
  • Per essere ammesso a un programma pratico, deve superare un esame in svedese, inglese, matematica, e in almeno cinque altre materie.

I diversi indirizzi proposti al liceo possono preparare agli studi superiori, ai mestieri, o una combinazione dei due. Ogni serie è composta da quattro elementi:
– 8 materie fondamentali (inglese, arte, ginnastica e salute, matematica, scienze, scienze civiche, svedese, teologia),
– delle materie specifiche al programma scelto ,
– un lavoro personale,
– degli stage professionali per i programmi che preparano a un mestiere.

Il diploma di fine ciclo, lo Slutbetyg från gymnasieskolan, è l’equivalente del baccalauréat francese. Se i voti ottenuti sono insufficienti per postulare a certe formazioni, l’alunno ha la possibilità di migliorare i suoi risultati completando la sua formazione o ripetendo un esame.

 

L’insegnamento superiore

L’insegnamento professionale post-secondario è incluso nell’insegnamento superiore. Un’agenzia è responsabile dei programmi di formazione professionale post-secondaria.

Un insegnamento professionale « avanzato » o post­-secondario permette di convalidare  in due anni delle qualifiche professionali nei settori dell’industria, della salute e delle nuove tecnologie. Un terzo della formazione si svolge in ambito lavorativo. Queste formazioni sono condotte in stretta collaborazione con le aziende, municipalità e organismi di formazione.

 

L’apprendistato

Il tirocinio è poco praticato in Svezia. Un programma pilota “Imparare in situazione professionale” (LIA) è attualmente in corso di sperimentazione.

 

Cifre chiave

  • Il 71% degli uomini e il 76% delle donne tra i 25 e i 64 anni stanno seguendo una formazione. È di gran lunga il tasso di partecipazione più alto d’Europa. (Agenzia nazionale dell’Educazione)
  • L’anno di apprendistato in Svezia è sempre più attrattivo e qualitativo : « Il governo ha investito in una campagna di informazione rivolta agli studenti, ai genitori, ai professori e ai tutori. Le poste in gioco sono la qualità e l’attrattività. Il governo, in accordo con i datori di lavoro e gli impiegati delle varie organizzazioni, ha dichiarato che l’anno 2016 sarebbe quello dei programmi di professionalizzazione. » (CEDEFOP 2016)
  • I vari aspetti dei programmi professionali, le poste in gioco e le risposte politiche : Il numero di apprendisti dell’insegnamento superiore secondario svedese è considerevolmente aumentato, passando da 6000 (all’autunno del 2013) a 6500 (all’estate del 2014). (CEDFOP 2015)
  • Tra i primi diplomati dell’insegnamento superiore svedese, il numero di apprendisti è aumentato del 9% rispetto all’anno precedente. (CEDEFOP 2015)

Ultimo aggiornamento: 21/02/2018