Francia

Paris (Wikimedia)

L’insegnamento professionale in Francia è diventato una leva molto importante per l’elevazione del livello di formazione dei giovani.

Il suo rinnovamento ha per scopo di migliorare sia l’inserzione professionale dei giovani che il proseguimento degli studi in una formazione superiore.

Nell’insegnamento secondario, la formazione professionale è caratterizzata dallo sviluppo della relazione scuola / ditta e da pratiche pedagogiche innovative.

I diplomi di formazione professionale possono tutti essere preparati con una formazione scolastica o con un apprendistato.

 

Il sistema francese – 2017

 

 

Lessico dei termini per lo schema

 

La formazione professionale in Francia

 

L’insegnamento secondario

In Francia, dopo una scolarità al “collège” (scuola media) dagli 11 ai 15 anni, gli alunni decidono di proseguire gli studi o con una formazione generale e tecnologica, o con una formazione professionale.

La formazione professionale prepara all’ottenimento di un diploma:

  • Il CAP, Certificato di Attitudine Professionale, in 2 anni.
  • Il BP, Brevetto Professionale, in 2 anni.
  • Il BAC professionale, in tre anni.

Permette di imparare un mestiere passando progressivamente dalla scuola al mondo del lavoro grazie a un’alternanza di periodi passati in una ditta e d’altri in un istituto scolastico.

Questi diplomi si possono preparare tramite la formazione scolastica, in un liceo professionale, o tramite un apprendistato in un Centro di Formazione per gli Apprendisti (CFA).

Il “liceo dei mestieri” è un marchio di eccellenza attribuito ad oltre 800 licei professionali.

 

L’insegnamento superiore

Dopo la maturità (bac), gli studenti possono proseguire i loro studi e ottenere dei diplomi professionali entro due anni. Questi diplomi aprono buone prospettive professionali:

  • I Brevetti di Tecnico Superiore (BTS) e Brevetti di Tecnici Superiori Agricoli (BTSA),
  • I Diplomi Universitari di Tecnologia (DUT).

Entrambi permettono un inserimento diretto sul mercato del lavoro o possono venire completati da un anno di studio supplementare:

  • Una Laurea professionale,
  • Una Formazione Complementare.

Esistono anche numerose scuole e istituti specializzati che propongono delle formazioni professionali riconosciute sul mercato del lavoro. In genere, sono accessibili con un concorso o su dossier dopo il Bac:

  • Le scuole del settore sociale che formano gli assistenti dei servizi sociali, gli educatori specializzati, gli educatori dei bambini piccoli…
  • Le scuole paramediche che preparano a una quindicina di mestieri, tra cui quello di infermiere, di fisioterapista, logopedista…
  • Scuole di contabilità e gestione, architettura, arte…

Dopo avere finito la formazione iniziale, è possibile continuare a formarsi nel quadro della formazione degli adulti e la validazione lungo tutto l’arco della vita.

 

L’apprendistato

In Francia, il tirocinio è possibile per l’insieme dei diplomi professionali, dal CAP fino al Master, passando dalle formazioni di ingegnere a quelle delle scuole di commercio.

 

Cifre chiave

  • Quasi il 29% dell’insieme degli alunni che studiano in un liceo professionale sono degli alunni di « bac pro » che seguono un apprendistato. (INSEE – 2012)
  • Nel 2012, il 23,9% di una classe di età che ha ottenuto la maturità aveva seguito un insegnamento professionale. (INSEE – 2012)
  • Più di 450 mestieri sono accessibili tramite la formazione professionale. (ONISEP – 2013)

Ultimo aggiornamento : 11/12/2013