Bulgaria

Bulgaria (Wikimedia)In Bulgaria, la formazione professionale attrae meno giovani che nel passato. Tra il 2006-2007 e 2010-2011, il numero di alunni che hanno scelto questo tipo di formazione è calato del 17%.

Gli effetti della riforma della formazione professionale iniziale, del 2007, non si fanno ancora sentire. La messa in relazione di scuole professionali, lo sviluppo di un quadro nazionale di certificazioni fondato sul Quadro europeo delle qualifiche e lo sviluppo della politica di educazione e di formazione professionale in stretto legame con le politiche lavorative sono alcuni dei cantieri intrapresi dalla Bulgaria in questi ultimi anni.

L’insegnamento e la formazione professionale bulgari sono in piena evoluzione: la legge che li regola è stata modificata 22 volte in questi ultimi tredici anni, qualche volta a scapito della sua coerenza. La specificità di questo sistema di formazione, paragonato a quello degli altri paesi europei, è di essere lo stesso per l’insieme dei pubblici ai quali si rivolge, adulti e studenti, tanto dal punto di vista dei programmi quanto per le norme che regolano le qualificazioni professionali.

Il sistema bulgaro – 2014

 

Il sistema bulgaro (© Onisep / Elise Veteau)

 

Lessico dei termini per lo schema

 

La formazione professionale in Bulgaria

 

La scuola è obbligatoria per i bambini dai 6 o 7 anni fino ai 16 anni. L’istruzione di base (scuola primaria e secondaria di primo grado) si conclude all’età di 14 anni (8a classe) con un certificato finale che permette di integrare la scuola secondaria di secondo grado.

 

L’insegnamento secondario

L’istruzione secondaria di secondo grado, che dura 4 o 5 anni, è tenuta nelle scuole polivalenti o professionali.

Le scuole professionali si organizzano in due tappe :

  • la prima: dalla classe di 8a fino alla classe di 10a ( dai 14 ai 16 anni). Gli alunni di queste classi possono studiare una professione di loro scelta. Ottengono un certificato di primo grado di studi secondari e una qualifica professionale di primo livello (equivalente al livello 2 del Quadro europeo delle qualifiche). Oltre alle materie generali e professionali, il programma di questo ciclo lascia uno spazio importante all’apprendimento di una lingua straniera (15 ore a settimana).
  • La seconda: dalla classe di 11a  fino alla classe di 12a (dai 17 ai 18 anni).

A 17 anni, all’inizio della seconda tappa degli studi secondari, gli alunni hanno di nuovo la possibilità di scegliere il tipo di insegnamento che desiderano seguire. Quelli che entrano in un liceo professionale potranno ottenere il secondo o il terzo livello di qualifica professionale dopo due anni. Circa 20 a 22 ore di lezioni settimanali sono dedicate alla formazione professionale, e 10 a 12 ore alla preparazione dell’esame di maturità.

Alla fine di questo ciclo, viene rilasciato il “Diploma za sredno obrazovanie” (Diploma di fine degli studi secondari / degli studi secondari specializzati) così come il “Svideltelstvo za profesionalnakvalifikatchia” (diploma di certificazione professionale).

 

L’insegnamento superiore

È tenuto nelle università o nelle scuole superiori specializzate. In queste ultime, il “specialist po”, diploma di insegnamento superiore a vocazione professionale, sancisce una formazione triennale.

 

L’apprendistato

Dai sedici anni in poi, l’apprendistato è regolamentato dal Codice del Lavoro bulgaro. Esso viene organizzato dai datori di lavoro nei loro centri di formazione o tramite un partnership con un istituto di insegnamento secondario. La formazione in alternanza è riservata ai mestieri dell’artigianato.

 

Cifre chiave

  • Nel 2011, il 12,8% dei giovani dai 18 ai 24 anni ha prematuramente abbandonato l’istruzione e la formazione con un livello di studi che non andava oltre l’insegnamento superiore di primo livello. Nel 2003, questa cifra raggiungeva il 21,9%. (Eurostat – 2013)
  • Tra il 2012 e il 2013, l’insegnamento professionale era tenuto in 494 istituti. (NSI – 2013)

Ultimo aggiornamento : 18/06/2018